Skip to content

Italian Lessons: ‘Turati and Gramsci’ Book Review

August 17, 2013
by Lawrence Gulotta
Book Review by Roberto Saviano, “La Republica” newspaper
Translation by LG
a review of “Turati and Gramsci” by Dr. Alessandro Orsini, Professor of Political Sociology at the University of Rome
Praise the reformists
What does it mean to be left? You can still be Left? It is a feeling of belonging to a deep history of freedom, a tradition of social criticism and dream, to a path that seems to have torn, severed. With an immense past and an uncertain future? And most of what we talk about left and what tradition? And how do you combine the two souls of the left, the reformist and revolutionary? What kind of dialogue was there between them?
Questions that plague activists, intellectuals and party. Questions that plague me forever. Alessandro Orsini, a young Neapolitan Professor of Political Sociology at the University of Rome tried to give answers. He wrote a book called Gramsci and Turati. The Two Lefts (Rubettino). The title seems like an essay, by one of those academicians, long and winding. But I think it’s the most beautiful theoretical reflection on the left made in recent years. Who is not afraid to handle delicate matter. Alessandro Orsini shows us two souls of the old Left Italian (exemplified in Gramsci and Turati) and shows us how, over time, one has had the upper hand over the other. The idea from Alessandro Orsini is simple: the Communists have educated generations of militants to define political opponents as dangerous enemies, to insult and ridicule  It has a certain effect. Reread the words of a refined intellectual such as Gramsci calling an opponent, no matter what: “His personality has for us, in comparison of the story, the same importance as a rag menstruating.” He invited his readers to resort to profanity and personal insult against opponents who complained of injuries received: “For us, if you say “a pig is a pig”  it is not vulgar, is the property of language.” He even praises a “punch in the face” against the Liberals. The fists, he said, had to be a “political agenda” and not an isolated incident. Of course, the thought of Gramsci can not be confined in this violent stretch, and besides, his words were affected by the influence of the political rhetoric of the time. It was (not only on the left) on virulent  pyrotechnics. Political correctness had not been invented yet. Yet, in those same years Filippo Turati, forgotten thinker and leader of the Socialist Party, led a tenacious campaign to educate for respect of political opponents in an attempt to combine socialism and liberalism: “All opinions deserve to be respected. Violence, insult and intolerance are the negation of socialism. We need to cultivate the right to be heretics.  The “right to dissent.” Socialism can not exist where there is no freedom. “Orsini collects and analyzes songs, writings, evidence that shows how that vice of origin has influenced and affected the left wing lives and how the legacy of the worst pedagogy of intolerance built for a century by the Communist Party still survives. Of course, today, the Democratic Party heir to the Communist Party, there’s no trace of that maximalism, verbose and violent language.

But there is on the other hand, outside of Parliament, some on the left who live for dogma.
They are the survivors of a maximalist extremism that claims to have the only truth in its hands. They are the followers of the only possible idea of ​​freedom. They love Cuba and are not liable for the crimes of the Castro dictatorship – I happened to talk to people wary of Yoani Sánchez only because at this time he is a critical voice from Cuba; not liable for the crimes of Hamas or Hezbollah, have a liking for ferocious regimes only because they are anti-American, tolerate the worst barbarism and are indignant because of the contradictions of democracies. For them, all the others are sold out. The idea never touches them that being marginal and unheard in their case is not synonymous with purity, but often simply lack of merit.

Orsini believes this to be Turati’s most important pedagogical legacy, the right to be heretics. But the hatred for the reformists, – explains Orsini – is the cornerstone of pedagogy intolerance. Since the reformers seeking to improve the living conditions of workers here and now, are perceived by some as revolutionary allies of the capitalists. This book shows how, in the revolutionary culture, the worsening of the living conditions of workers is a good thing (as said by Labriola) because it increases hatred against the system and raises the revolutionary initiative: it is the infamous “worse the better.” The reformists, however, do not believe in a perfect society, but in a society that progressively lifts the cultural level of workers and betters their living conditions through active participation in the management of public affairs. The reformists – explained Turati – are realistic and tolerant. Realists because they believe that it is not possible to build a society in which conflicts are banished for ever. Tolerant because, rejecting perfectionism, they are placed away from the belief that they had access to the ultimate truth about the meaning of history. Turati paid dearly for his tough battle against the teaching of intolerance. When he died in exile, in poverty, Togliatti wrote an article in The State Worker, in which he said that he had been “the most corrupt, the most despicable, the most repulsive of all the men of the left.”I recommend this book to those who feel lost on the left. It could be a tool for understanding and above all, I think, of defense. Defend the young reader from the enemies of dialogue, by proponents of the quarrel, the brawler ready to speak on behalf of the working class, the marginalized, the “invisible,” from the pacifists, violently using peace as an instrument of aggression against those who think differently.  Turati helps to understand how much power there is in reformism, often considered to be weak, fearful, even a loser, one would say. Reformism, says Turati, scares powers, corporations, caste, because it proves, trying consent, placing doubts, reasoning and debating, to resolve the contradictions here and now. Involving people, not frightening them or shunning them because they are “contaminated.”It is no coincidence that the fascists before and now  had to hate the Socialists, especially the reformists. It is no coincidence that the fascists were afraid of Matteotti who had denounced electoral fraud. It is no coincidence that the Fascists were afraid of reformist judges and  efficient state officials . Because for them the corrupt and reactionary allies were confirming their idea of ​​the State for slaughter.For Turati Marxism can not be considered a “perpetual cookbook ” a place to find solutions to all problems, because the same problem, such as the empowerment of workers, may require different solutions according to the context, to historical periods and the resources available at any given time. Better to be wary of those who claim to know everything in advance. Turati was convinced that the cultural perspective from which we view the world was crucial to the development of our actions. For this reason  the greatest importance is attributed to the role of education policy: To first transform the world you need to open your mind and confront you prejudices and absolutes. Intolerance saps even the most acute minds: the pedagogy of tolerance is the first step to building a better society.

 

Elogio dei riformisti

di ROBERTO SAVIANO, La Republica

La tolleranza di Turati, quella piccola lezione per una sinistra smarrita. Un saggio ripercorre la figura del leader socialista e una tradizione da sempre minoritaria in Italia

Che cosa significa essere di sinistra? È possibile ancora esserlo? Sentire nel profondo di appartenere a una storia di libertà, a una tradizione di critica sociale e di sogno, a un percorso che sembra essersi lacerato, reciso. Con un immenso passato e un futuro incerto? E soprattutto di quale sinistra parliamo e di quale tradizione? E come si coniugano le due anime della sinistra, quella riformista e quella rivoluzionaria? Che genere di dialogo c’è stato tra loro?

Domande che affliggono militanti, intellettuali e uomini di partito. Domande che affliggono me da sempre. Alessandro Orsini giovane professore napoletano di Sociologia Politica all’Università di Roma Tor Vergata ha provato a dare delle risposte. Ha scritto un libro intitolato Gramsci e Turati. Le due sinistre (Rubettino). Il titolo sembra presentare un saggio, di quelli accademici, lunghi e tortuosi. E invece credo sia la più bella riflessione teorica sulla sinistra fatta negli ultimi anni. Che non ha paura di maneggiare materia delicata. Alessandro Orsini ci presenta due anime della sinistra storica italiana (esemplificate in Gramsci e Turati) e ci mostra come, nel tempo, una abbia avuto il sopravvento sull’altra. L’idea da cui parte Alessandro Orsini è semplice: i comunisti hanno educato generazioni di militanti a definire gli avversari politici dei pericolosi nemici, ad insultarli ed irriderli. Fa un certo effetto rileggere le parole con cui un intellettuale raffinato come Gramsci definiva un avversario, non importa quale: “La sua personalità ha per noi, in confronto della storia, la stessa importanza di uno straccio mestruato”. Invitava i suoi lettori a ricorrere alle parolacce e all’insulto personale contro gli avversari che si lamentavano delle offese ricevute: “Per noi chiamare uno porco se è un porco, non è volgarità, è proprietà di linguaggio”. Arrivò persino a tessere l’elogio del “cazzotto in faccia” contro i deputati liberali. I pugni, diceva, dovevano essere un “programma politico” e non un episodio isolato. Certo, il pensiero di Gramsci non può essere confinato in questo tratto violento, e d’altronde le sue parole risentivano l’influenza della retorica politica dell’epoca, che era (non solo a sinistra) accesa, virulenta, pirotecnica. Il politicamente corretto non era stato ancora inventato. Eppure, in quegli stessi anni Filippo Turati, dimenticato pensatore e leader del partito socialista, conduceva una tenacissima battaglia per educare al rispetto degli avversari politici nel tentativo di coniugare socialismo e liberalismo: “Tutte le opinioni meritano di essere rispettate. La violenza, l’insulto e l’intolleranza rappresentano la negazione del socialismo. Bisogna coltivare il diritto a essere eretici. Il diritto all’eresia è il diritto al dissenso. Non può esistere il socialismo dove non esiste la libertà”.

Orsini raccoglie e analizza brani, scritti, testimonianze, che mostrano come quel vizio d’origine abbia influenzato e condizionato la vita a sinistra, e come l’eredità peggiore della pedagogia dell’intolleranza edificata per un secolo dal Partito Comunista sopravviva ancora. Naturalmente, oggi, nel Pd erede del Pci, non c’è più traccia di quel massimalismo verboso e violento, e anche il linguaggio della Sel di Vendola è molto meno acceso.

Ma c’è invece, fuori dal Parlamento, una certa sinistra che vive di dogmi. Sono i sopravvissuti di un estremismo massimalista che sostiene di avere la verità unica tra le mani. Loro sono i seguaci dell’unica idea possibile di libertà, tutto quello che dicono e pensano non può che essere il giusto. Amano Cuba e non rispondono dei crimini della dittatura castrista  –  mi è capitato di parlare con persone diffidenti verso Yoani Sánchez solo perché in questo momento rappresenta una voce critica da Cuba  – , non rispondono dei crimini di Hamas o Hezbollah, hanno in simpatia regimi ferocissimi solo perché antiamericani, tollerano le peggiori barbarie e si indignano per le contraddizioni delle democrazie. Per loro tutti gli altri sono venduti. Mai che li sfiori l’idea che essere marginali e inascoltati nel loro caso non è sinonimo di purezza, ma spesso semplicemente mancanza di merito.

Turati a tutto questo avrebbe pacificamente opposto il diritto a essere eretici, che Orsini ritiene essere il suo più importante lascito pedagogico. Questo fondamentale diritto ha trovato la formulazione più alta nell’elogio di Satana, metafora estrema dell’amore per l’eresia e dell’odio per i roghi. Satana, provoca Turati, è il padre dei riformisti: “Non siamo asceti che temono i contatti della carne, siamo figli di Satana (…). Se domani viene da me il Re, il Papa, lo Scià di Persia, il Gran Khan della Tartaria, il presidente di una repubblica americana, non per questo rinuncio alle mie idee. Non per questo transigo o faccio atto d’omaggio, ma resto quello che sono, e ciascuno di noi rimane quello che è”.

Ma l’odio per i riformisti,  –  spiega Orsini  –  è il pilastro della pedagogia dell’intolleranza. Dal momento che i riformisti cercano di migliorare le condizioni di vita dei lavoratori qui e ora, sono percepiti da certi rivoluzionari come alleati dei capitalisti. Questo libro dimostra come, nella cultura rivoluzionaria, il peggioramento delle condizioni di vita dei lavoratori sia un bene (come diceva Labriola) perché accresce l’odio contro il sistema e rilancia l’iniziativa rivoluzionaria: è il famigerato tanto peggio tanto meglio. I riformisti, invece, non credono nella società perfetta, ma in una società migliore che innalzi progressivamente il livello culturale dei lavoratori e migliori le loro condizioni di vita anche attraverso la partecipazione attiva alla gestione della cosa pubblica. I riformisti  –  spiegava Turati  –  sono realisti e tolleranti. Realisti perché credono che non sia possibile costruire una società in cui siano banditi per sempre i conflitti. Tolleranti perché, rifiutando il perfettismo, si pongono al riparo dalla convinzione di avere avuto accesso alla verità ultima sul significato della storia. Turati pagò a caro prezzo la sua durissima battaglia contro la pedagogia dell’intolleranza. Quando morì in esilio, in condizioni di povertà, Palmiro Togliatti scrisse un articolo su Lo Stato Operaio, in cui affermò che era stato “il più corrotto, il più spregevole, il più ripugnante tra tutti gli uomini della sinistra”.

Consiglio questo libro a chi si sente smarrito a sinistra. Potrebbe essere uno strumento di comprensione e soprattutto, credo, di difesa. Difenderebbe il giovane lettore dai nemici del dialogo, dai fautori del litigio, dagli attaccabrighe pronti a parlare in nome della classe operaia, degli emarginati, degli “invisibili”, dai pacifisti talmente violenti da usare la pace come strumento di aggressione per chiunque la pensi diversamente. Turati aiuta a comprendere quanta potenza ci sia nel riformismo, che molti considerano pensiero debole, pavido, direbbero persino sfigato. Il riformismo di cui parla Turati fa paura ai poteri, alle corporazioni, alle caste, perché prova, cercando consenso, ponendosi dubbi, ragionando e confrontandosi, di risolvere le contraddizioni qui e ora. Coinvolgendo persone, non spaventandole o estromettendole perché “contaminate”. Non è un caso che i fascisti prima e brigatisti poi avessero in odio soprattutto i riformisti. Non è un caso che i fascisti temessero Matteotti che aveva denunciato brogli elettorali. Non è un caso che i brigatisti temessero i giudici riformisti, i funzionari di Stato efficienti. Perché per loro i corrotti e i reazionari erano alleati che confermavano la loro idea di Stato da abbattere e non da migliorare.

Per Turati il marxismo non può essere considerato un “ricettario perpetuo” in cui trovare la soluzione a tutti i problemi perché uno stesso problema, come l’emancipazione dei lavoratori, può richiedere soluzioni differenti in base ai contesti, ai periodi storici e alle risorse disponibili in un dato momento. Meglio diffidare da coloro che affermano di sapere tutto in anticipo; meglio “confessarci ignoranti””. Turati era convinto che la prospettiva culturale da cui guardiamo il mondo fosse decisiva per lo sviluppo delle nostre azioni. Questa è la ragione per cui attribuiva la massima importanza al ruolo dell’educazione politica: prima di trasformare il mondo, occorre aprire la mente e confrontarsi con i propri pregiudizi. Le certezze assolute fiaccano anche le intelligenze più acute: la pedagogia della tolleranza è il primo passo per la costruzione di una società migliore. (28 febbraio 2012)

La Republica: http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2012/02/28/news/elogio_dei_riformisti-30626737/

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *