Skip to content

THE LIBERAL SOCIALISM OF CARLO ROSSELLI by Andrea Ruini Translation by L. Gulotta

October 28, 2013
by Lawrence Gulotta

THE LIBERAL SOCIALISM OF CARLO ROSSELLI

by Andrea Ruini
Translation by L. Gulotta
 Carlo Rosselli come a Spazio
Carlo Rosselli ((November 18, 1899 –  June 9, 1937)

When Gramsci began to write the Prison Notebooks, between 1928 and 1929, Carlo Rosselli was writing Liberal Socialism, during his confinement on Lipari ( later published in France in 1930). While Gramsci sought to give a version of Marxism- Leninism suitable for advanced industrial countries, Rosselli asserted instead that Marxism, and especially Leninism, were obstacles for the socialist movement,  obstacles that must be overcome, if we wanted to work with effectiveness in Western Europe.

At that time, Marxism constituted the doctrine not only of the Communists, but also the vast majority of Italian socialists. Rosselli’s book met with harsh criticism. Rosselli’s critique of Marxism was, first and foremost, a philosophical criticism. Rosselli contested  the nature of Marx’s mechanistic and naturalistic philosophy of history, which considered  necessary and inevitable a proletarian revolution that would bring the overthrow of capitalism. A deterministic concept that left no room for the conscience and the will of men. A conception flawed by a catastrophic, apocalyptic messianism that history had blatantly denied. Capitalism had not collapsed, rather it was developing in many countries. There had been no immiseration of the proletariat, which had surely seen a marked improvement in its economic and social conditions.  Society had not been polarized between a small elite of capitalists and the mass of proletarians, but there was an expanding middle class. Marx had studied the start-up phase of capitalism, and had described its “laws of capitalism,” elements that characterize only a transitory situation destined soon to dramatically change. Capitalist development had gone in a direction opposite to that which Marx had prophesied.

The consequence was that the revolutionary myth had lost its charm in the most developed European countries, but had taken root in a backward country like Russia, also as a result of exceptional circumstances. Rosselli gave a completely negative judgment on the Bolshevik Revolution, which through a ruthless dictatorship, had imposed “untold suffering” on the Russian people.

Analyzing the Marxist myths and the Bolshevik Revolution, in this way, Rosselli espoused his conception of socialism and socialist ideals, giving the following definition: “Socialism is neither socialization nor the proletariat in power, or even material equality. Socialism, grasped in its essential, is the progressive implementation of the idea of ​​freedom and justice among men: an innate idea that lies more or less buried by the centuries, and is at the foundation of every human being. And ‘ the progressive effort to ensure that all humans have an equal chance to live a life that is worthy of the name, removing them from the bondage of matter and materials needs that today still dominates the greatest number; ability to freely develop their personalities in a continuous struggle against bestial primitive instincts and against the corruptions of a civilization preying on the demon of success and money. “

Rosselli was aware that his views on socialist doctrines were held by a minority. Nothing remained of the old dogmas. Also in light of the Soviet experience, Rosselli rejected the old collectivist, centralizing program, which was the administrator of the State, the universal manager. Rosselli denied that the simple fact of expropriation, the transfer of production activities from the middle class to the community, could lead to a miraculous transformation. Rosselli did not believe that socialization and collectivization of the economy could guarantee production and multiply wealth, the automatic suppression of classes, the struggles and wars, the triumph of brotherhood, justice and peace. For the Socialists “serious, educated and prepared,” said Rosselli, “these are now tales of which it is better not to talk.” This is because “all appear open to the dangers of bureaucratic elephantiasis, intrusiveness of the state and the dictatorship of incompetence, the flattening of each individual freedom and autonomy, to the absence of creativity in the leaders, as the performers.”

Rosselli writes that “capitalism must relinquish its hegemony, submitting itself more and more to the restrictions and interventions of public authorities” and it develops a form of regulated economy, in which the principle of need prevails over the principle of profit.” Rosselli had studied Keynes, watched with interest the English sympathy toward Laborism, had known Labor theorists and scholars such as Tawney, Cole, Hobhouse and had attended meetings of the Fabian Society at the London School of Economics. His training allowed him to have real contact with the experiences of a more developed capitalist world. For Rosselli ” socialism interprets the needs of the working class, it fights against actual conditions, in the name of the majority, for the majority’s needs and a superior principle of freedom and justice, that awakens the masses from their ancient servitude, giving them awareness of their “situation of inferiority” in which they are located, here is the liberal and liberating political movement.”

Rosselli’s position was also his firm defense of liberal democracy, the “rules of the game” that all warring parties must undertake to comply, and which consist of the principle of popular sovereignty, in the representative system, while respecting the rights of minorities and the role of the opposition, in solemn recognition of fundamental rights and the rights of freedom of the individual and in the explicit condemnation of violence.

Rosselli had come to the conclusion that without permanent protection of the rights of freedom and absent a framework of public intervention in economic and social conditions, there does not exist a “shared freedom,” an” equal freedom,” which manages to combine the reasons for individual autonomy with those of justice, in the formation and distribution of resources and opportunities. He polemicized against the annihation of the individual’s personality, desired by the totalitarianisms of the ‘90s. Rosselli’s goal was to combine freedom and equality, individualistic motives and the needs of social solidarity, not in the form of a future proletarian revolution, but in the possible ways of a democratic constitution of the present.

The main heir to the liberal socialism of Rosselli was Norberto Bobbio. Among the studies devoted to the life and thought of Rosselli should be mentioned , in addition to those of Bobbio, books by Aldo Garosci , Nicola Tranfaglia , Paolo Bagnoli , Zephyr Ciuffoletti , Carmelo Calabro , Mimmo Franzinelli , Gian Biagio Furiozzi , Stanislao Pugliese , Franco Sbarberi .
http://www.rosselli.org/
http:// www.circolorossellimilano.org/

_____________________________________________________

IL SOCIALISMO LIBERALE DI CARLO ROSSELLI di Andrea Ruini
_____________________________________________________

Quando Gramsci incominciava a stendere tra il 1928 e il 1929 i Quaderni del carcere, Carlo Rosselli scriveva al confino di Lipari il libro Socialismo liberale (pubblicato poi in Francia nel 1930). Mentre Gramsci si proponeva di dare una versione del marxismo-leninismo adatta ai paesi industriali avanzati, Rosselli riteneva invece che il marxismo, e a maggior ragione il leninismo, fossero un ostacolo per il movimento socialista, un ostacolo che doveva essere superato, se voleva operare con efficacia nell’Europa occidentale.

Il marxismo costituiva allora la dottrina non solo dei comunisti, ma anche della grande maggioranza dei socialisti italiani. Il libro di Rosselli incontrò le aspre critiche degli uni e degli altri. La critica di Rosselli al marxismo era prima di tutto una critica filosofica. Rosselli contestava al marxismo il carattere di filosofia della storia di tipo meccanicistico-naturalistico, che considerava necessaria e inevitabile la rivoluzione proletaria che avrebbe portato all’abbattimento del capitalismo. Una concezione deterministica che non lasciava spazio alla coscienza e alla volontà degli uomini. Una concezione viziata anche da un catastrofismo apocalittico-messianico che la storia aveva clamorosamente smentito. Il capitalismo non era crollato, anzi si era sviluppato in molti paesi. Non c’era stato nessun immiserimento del proletariato, che aveva invece visto un netto miglioramento delle sue condizioni economiche e sociali. E la società non si era polarizzata tra una ristretta elite di capitalisti e la massa dei proletari, ma c’era stato una grande diffusione dei ceti medi. Marx aveva studiato la fase di avvio del capitalismo, e aveva definito come “leggi del capitalismo” elementi che invece caratterizzavano solo una situazione transitoria destinata presto a modificarsi radicalmente. Lo sviluppo capitalistico era andato in una direzione opposta a quella che aveva profetizzato Marx.

La conseguenza era che il mito rivoluzionario aveva perso il suo fascino nei paesi europei più sviluppati, ma era riuscito ad attecchire in un paese arretrato come la Russia, anche in seguito a circostanze eccezionali. Rosselli dava un giudizio del tutto negativo sulla rivoluzione bolscevica, che attraverso una dittatura spietata aveva imposto “sofferenze inenarrabili” al popolo russo.

Liquidati in questo modo il mito marxista e la rivoluzione bolscevica, Rosselli esponeva la sua concezione del socialismo e degli ideali socialisti, dandone la seguente definizione: “Il socialismo non è né la socializzazione né il proletariato al potere, e neppure la materiale eguaglianza. Il socialismo, colto nel suo aspetto essenziale, è l’attuazione progressiva dell’idea di libertà e di giustizia tra gli uomini: idea innata che giace, più o meno sepolta dalle incrostazioni dei secoli, al fondo di ogni essere umano. E’ lo sforzo progressivo di assicurare a tutti gli umani una eguale possibilità di vivere la vita che solo è degna di questo nome, sottraendoli alla schiavitù della materia e dei materiali bisogni che oggi ancora domina il maggior numero; possibilità di svolgere liberamente la loro personalità, in una continua lotta di perfezionamento contro gli istinti primitivi e bestiali e contro le corruzioni di una civiltà troppo preda al demonio del successo e del denaro”. Rosselli era consapevole che nella sua concezione restava ben poco, per non dire nulla, delle dottrine socialiste così come si erano manifestate storicamente. Non restava nulla dei vecchi dogmi. Alla luce anche dell’esperienza sovietica, Rosselli rifiutava il vecchio programma collettivista, accentratore, che faceva dello Stato l’amministratore, il gerente universale. E Rosselli negava che il semplice fatto della espropriazione, che il passaggio delle attività produttive dalla classe borghese alla collettività, potesse determinare una trasformazione miracolosa. Rosselli non credeva che la socializzazione e la collettivizzazione dell’economia potessero garantire una produzione e ricchezza moltiplicate, un lavoro ridotto e reso gioioso, la soppressione automatica delle classi, delle lotte e delle guerre, il trionfo della fratellanza, della giustizia e della pace. Per i socialisti “seri, colti, preparati”, diceva Rosselli, “queste sono ormai favolette delle quali è meglio non parlare”. Questo perché “a tutti appaiono chiari i pericoli della elefantiasi burocratica, della invadenza statale, della dittatura dell’incompetenza, dello schiacciamento di ogni autonomia e libertà individuale, del venir meno dello stimolo nei dirigenti come negli esecutori”. Rosselli ritiene probabile “che il capitalismo debba rinunciare alla sua egemonia, sottomettendosi sempre più a limitazioni e interventi da parte dei pubblici poteri” e che si sviluppi una forma di economia regolata, in cui il principio del bisogno prevale sul principio del lucro”. Rosselli aveva studiato Keynes, guardava con interesse simpatia al laburismo inglese, aveva conosciuto studiosi e teorici laburisti come Tawney, Cole, Hobhouse, e aveva frequentato le riunioni della Società Fabiana presso la London School of Economics. La sua formazione gli permetteva di avere un contatto reale con l’esperienza del mondo capitalistico più sviluppato. Per Rosselli “il socialismo che interpreta le esigenze della classe lavoratrice, che lotta contro l’assetto attuale in nome dei bisogni del maggio numero e di un principio superiore di libertà e di giustizia, che risveglia le masse dalla servitù antica dando loro coscienza della situazione di inferiorità in cui si trovano, ecco il movimento politico liberale e liberatore”. Nella posizione di Rosselli c’era anche la sua ferma difesa della democrazia liberale, delle “regole del gioco” che tutte le parti in lotta devono impegnarsi a rispettare, e che consistono nel principio della sovranità popolare, nel sistema rappresentativo, nel rispetto dei diritti delle minoranze e del ruolo dell’opposizione, nel solenne riconoscimento dei diritti fondamentali e dei diritti di libertà della persona, nella condanna esplicita del ricorso alla violenza.

Rosselli era giunto alla conclusione che senza una tutela permanente dei diritti di libertà e senza una quadro di intervento pubblico in materia economico-sociale non esistono le condizioni di una libertà condivisa, di una “libertà eguale”, che riesca a coniugare le ragioni della autonomia degli individui con quelle della giustizia nella formazione e nella distribuzione delle risorse e delle opportunità. Polemico contro l’annichilimento della personalità dell’uomo voluto dai totalitarismi del Novecento, il proposito di Rosselli era quello di unire libertà ed eguaglianza, motivi individualistici ed esigenze di solidarietà sociale, non nelle forme palingenetiche di una futura rivoluzione proletaria, ma nei modi possibili di una costituzione democratica del presente.

Il principale erede del socialismo liberale di Rosselli è stato Norberto Bobbio. Tra gli studi dedicati alla vita e al pensiero di Rosselli vanno ricordati, oltre a quelli di Bobbio, i libri di Aldo Garosci, Nicola Tranfaglia, Paolo Bagnoli, Zeffiro Ciuffoletti, Carmelo Calabrò, Mimmo Franzinelli, Gian Biagio Furiozzi, Stanislao Pugliese, Franco Sbarberi.http://www.rosselli.org/
http://
www.circolorossellimilano.org/

 

 

 

No comments yet

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *